giovedì 5 luglio 2007

"Vino dei Blogger # 8 " tasting session


Al recente TigullioVino Meeting, grazie ai suggerimenti di Luk, ho assaggiato alcuni vini liguri: fra questi, ai fini della nostra rubrica, mi ha colpito il


“Pian di Sabbia” IGT Golfo dei Poeti 2006


dell’Azienda “La Felce”, di Andrea Marcesini, eclettico vignaiolo in Ortonovo (SP).


Il nome del vino e della Indicazione sono suggestivi viatici che mi inducono ad approfondire la conoscenza di questo bianco ligure insieme al suo Produttore…

Il “Pian di Sabbia” proviene da un piccolo vigneto a Luni, a circa 1 km dal mare, costituito interamente da terreno sabbioso: le uve che lo compongono sono Trebbiano (60%), Malvasia (20%) e Vermentino (20%).

Marcesini mi racconta che ha voluto caratterizzare molto questo vino: oltre alla particolare conformazione del vigneto, anche in vinificazione ha adottato tecniche inconsuete, che vanno da una macerazione sulle bucce di 20 giorni alla fermentazione libera.

Con una così lunga macerazione mi aspettavo un colore più “acceso”, valutando anche che il Trebbiano, fra i vitigni bianchi, è uno di quelli che possiede la più alta concentrazione in sostanza colorante, evidentemente si è giocato sull’epoca di vendemmia, favorendo nella raccolta la Malvasia e il Vermentino, più precoci.

Queste due varietà determinano anche i profumi floreali del prodotto, delicati ma non molto intensi.
Il vino si conferma armonico al palato, dove esibisce una buona sapidità: nel complesso non si dimostra di certo “muscoloso”, e non poteva essere altrimenti vista la natura dei suoli di provenienza delle uve, ma dotato di una personalità che lo può distinguere una volta conosciuto; non male come caratteristica in questi tempi di omologazione…

Con Marcesini e suo padre abbiamo anche accennato alla gestione dei vigneti sulla sabbia: mi hanno confermato che in passato anche nella loro zona è stata utilizzata la propaggine semplice come di mezzo di propagazione della vite, metodo che pure noi nel Bosco Eliceo stiamo riscoprendo, e che fornisce una valida alternativa per i rimpiazzi sulle file.

Per gli abbinamenti penso ovviamente al mare, con antipasti caldi di molluschi e crostacei.

Come nota segnalo l’altro vino assaggiato in quell’occasione, ovvero il Vermentino “La Felce” DOC Colli di Luni 2006, nel quale è presente il 2% di Albana (ebbene sì! Uno sconfinamento inaspettatato dalla Romagna!), e prevede, durante la lavorazione, una macerazione sulle bucce di 72 ore. Strutturato e dagli intensi profumi fruttati, è sicuramente uno dei miglior Vermentino che ho assaggiato recentemente.

Purtroppo nell’escursione a Rapallo non ho avuto tempo per visitare il certamente affascinante vigneto del “Pian di Sabbia” (tra l’altro al primo anno di produzione), per cui mi devo accontentare di allegare questa scheda aziendale, anche se non lo contempla, che ho trovato sul sito:www.sp.camcom.it/vad_AGR/colli_di_luni/la_felce.pdf

Un ulteriore stimolo per tornare a visitare che questo lembo di Liguria tra la Lunigiana e il mare…


1 commento:

il maiale ubriaco ha detto...

Piedirosso (Pèr 'e Palummo) Campi Flegrei DOC 2006, Cantine Federiciane Monteleone.

http://maialeubriaco.blogspot.com/