domenica 21 marzo 2010

Sovversivi... di filiera!


Cesare Merendi è un ragazzo di 43 anni: vive e lavora a Mandriole, vicino a Sant’Alberto, in provincia di Ravenna, a ridosso del lato sud delle Valli di Comacchio.

Da suo padre ha imparato il mestiere del panettiere, dalle filosofie orientali la ricerca di una via.

E lungo questo percorso ci siamo incontrati per condividere un infinitesimo, per me significativo.

L’idea che ci accomuna è molto semplice: c’è un paesaggio che l’uomo ha modificato a suo piacimento, e se vogliamo lasciare qualcosa a chi verrà dopo, occorre cercare un compromesso.

Il forno di Cesare è stato costruito in loco nel 1930, ed è uno dei pochissimi ad avere la licenza per funzionare a legna.



Il forno si “carica” la sera: va completamente riempito di legna, in pezzi lunghi circa 2 metri, ma soprattutto disposti in un ordine ben preciso, per condurre una perfetta combustione in funzione della capacità aspirante della cappa.

Il fuoco viene acceso alle 4 di notte: al termine della combustione, le braci vengono estratte con appositi attrezzi e poste in bidoni ermetici dove chiaramente si trasformano in carbone, che viene poi rivenduto agli abitanti della zona per ammortizzare i costi di gestione.

Dopo la pulizia, verso le 6, il forno è pronto per la cottura del pane: la sequenza è codificata dalla velocità di raffreddamento delle pietre refrattarie, si parte prima appunto con il pane, per passare alla pizza, ai dolci, al pane biscottato (specialità dell’Azienda) e infine le piccole meringhe chiamate “spumini”, che cuociono alla temperatura più bassa.

Il padre di Cesare gli ha insegnato che il legno migliore è quello dei pioppi del litorale, quei rami che hanno una sezione costante e bruciano in fretta producendo poche braci: cosa senz’altro non ideale per i camini di casa, ma ottimale per questo tipo di forno.



Quando ho conosciuto Cesare, mi raccontò che il suo rammarico era di non riuscire più a trovare quel tipo di legna, quindi potrete immaginare il suo entusiasmo quando gli dissi che nei nostri filari alberati di pioppi ce ne sono in abbondanza, e che li dobbiamo potare tutti gli anni! (chi ha visitato il nostro vigneti se li ricorderà molto bene…)


Ecco, vi ho raccontato questo piccolo aneddoto… un microscopico cerchio si chiude, ciò che per noi era un materiale in esubero, ha trovato la sua collocazione, e mi piace pensare che un in certo senso possa generare qualcosa d’altro, del resto, nulla si crea e nulla si distrugge

mercoledì 17 marzo 2010

"Primavera al cioccolato" a Ferrara!


Comunicato stampa:

Con il sopraggiungere della primavera in P.zza Municipale a Ferrara il 20 e 21 marzo arriva un dolce momento per tutti gli amanti del cioccolato di qualità. I migliori produttori artigianali del nostro territorio saranno i protagonisti della manifestazione "Primavera al Cioccolato" organizzata dall’Assessorato alle Attività Produttive in collaborazione con le associazioni di categoria: ASCOM, CNA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI, FENAILP, con l’Associazione della Strada dei Vini e dei Sapori di Ferrara - della Camera di Commercio e dell’Istituto IPSAAR Orio Vergani dove nell’anteprima ad invito verrà allestito un Buffet dai ragazzi della scuola alberghiera.
Saranno presenti 12 stand in cui gli artigiani cioccolatieri esporranno per assaggi e vendita i loro prodotti di qualità.


Gli espositori
Degustazione e vendita prodotti a base di cacao
Panificio Moderno Via Ariosto 99/101 Migliaro (FE) Tel/Fax. 0533/654099
Pasticceria Cioccolateria Puravida Via Padova 187/B (FE) Tel. 0532/465756
Passione Italiana Via Cà Milzona, 21 Mizzana (FE) Tel. 0532/771820
Il Testamento del Porco Trattoria Via Mulinetto 109/111 (FE) Tel. 0532/760460
CE.S.CO.T. Scuola di Pasticceria Via Darsena 178 (FE) Tel. 0532/778411
Offelleria Rizzati - La Bottega del Cioccolato Via San Romano 25 (FE) Tel. 0532/711504
La Maison du Chocolat Piazza Trento Trieste 33 (FE) Tel. 0532/471035
Il Duca d'Este Bar Pasticceria Piazza Castello 10 (FE) Tel. 0532/207688
F.I.S. - Fabbrica Italiana Specialità Via Pomposa 135 (FE) Tel. 0532/62663
Agriturismo La Rocchetta Via Rocca 69 San Egidio (FE) Tel. 0532/725824
Azienda Agricola Boschetta Via Ladino 188 Porotto (FE) Tel/Fax. 0532/732360
Lotti Dolciaria Via Respighi 1 (FE) Tel 053294733

domenica 7 marzo 2010

I Fadieni, il tartufo marzuolo e il latte brulè!

Ed eccoci al resoconto della splendida serata dedicata al tartufo marzuolo al Castello del Verginese di Gambulaga.

Partiamo con l’intervista con il responsabile dell’Arci Tartufi di Ferrara, Marco Mazzali, che ci illustra le caratteristiche del tartufo che abbonda nelle sabbie, ma guarda un po’ (!), del Delta del Po; sullo sfondo le teche con gli splendidi reperti delle “sepolture dei Fadieni”, sito archeologico di epoca romana di grande importanza, proprio rinvenuto nelle vicinanze del Castello.



Una chicca gastronomica davvero interessante: fra i dolci presentati a fine cena ecco il “latte brulè”, una ricetta tipica delle campagne della Romandiola, o Romagna Estense, ovvero il territorio che si estendeva grosso modo da Portomaggiore a Lugo.




Immancabili le specialità di Cristina: “mandurlin dal pont” e il pane natalizio, che se anche ci stiamo avvicinando a Pasqua, vi garantisco vale assolutamente la pena assaggiare…



E infine l’abbinamento top, a detta dei commensali s’intende, della serata: il pasticcio di maccheroni ferrarese con la nostra Malvasia “Le Dune bianche”.


Ancora un sentito ringraziamento all’organizzazione dell’evento per averci dato la possibilità di presentare i nostri prodotti, e alla regista Paola Fabbri...


martedì 2 marzo 2010

"Storia in fiera" a Ferrara


Comunicato stampa:


E’ la prima Fiera nazionale dedicata alla Storia, nelle forme che la rendono attuale e la divulgano: le rievocazioni storiche. Alle Fiera di Ferrara, sabato 6 e domenica 7 marzo 2010 si svolge Storia in Fiera 2010.

Piccole città, centri storici, borghi, rocche e castelli portano proposte di turismo culturale diverse, valide tutto l’anno e affascinanti. Per un turismo di vera qualità, non di lusso esteriore.

Uno dei punti di forza della tradizione di queste città è la rievocazione storica, un modo di fare spettacolo, di creare eventi portando il visitatore a immergersi in un’atmosfera coinvolgente e speciale. Le località presenti alle Fiere di Ferrara portano con sé danze medievali, giochi storici dei palii, lotte di gladiatori e schermidori, parate in costume. Veri e propri spettacoli che ogni mezz’ora animeranno la kermesse.

La Fiera ospita anche uno spazio interamente riservato alle sagre e alle tradizioni, dove si possono assaggiare e conoscere i migliori piatti della gastronomia popolare e i prodotti tipici del territorio. Una vetrina di idee per viaggi, gite fuori porta, itinerari da organizzare in gruppi di amici o con le scuole, per scoprire la bellezza meno evidente, ma infinitamente più suggestiva dell’Italia lontana dalle rotte più consuete. La prima edizione di Storia in Fiera è realizzata con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, della Provincia di Ferrara, del Comune di Ferrara, del Touring Club Italiano, dell’Ente Palio Città di Ferrara, e in collaborazione con l’Associazione Rievocare, l‘UNPLI Emilia Romagna e la rete dei Comuni certificati con il marchio Bandiera Arancione. Il prezzo del biglietto di ingresso intero è di 9 euro, ridotto 7 euro, soci Tci 5 euro, scuole 3 euro.

La Fiera è aperta dalle 10 alle 20. Per il programma dettagliato www.storiainfiera.it.